lunedì, giugno 26, 2006

Io ci passo quasi tutti i giorni ...

Io sono sconvolto dall'accaduto, perchè queste cose succedono solo da noi in Sicilia?
Leggo da un articolo dell'ANSA: "ROMA - "Poca attenzione verso i sistemi di sicurezza della struttura, e in particolare della messa in quiete del cemento armato dei pilastri di appoggio". E' l' ipotesi allo stato maggiormente accredita della causa del crollo avvenuto ieri in un cantiere dell'autostrada Siracusa-Catania, che ha provocato la morte di un operaio e il ferimento di altre 14 persone."
L'articolo completo è qui.

Non lo so ...

Condividi questo Articolo:   Bookmark and Share

4 Commenti:

Blogger Grizzly said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

26/6/06 7:24 PM  
Blogger Grizzly said...

Molti ci siamo passati tutti i giorni, e molti ci siamo chiesti se prima o poi i nostri pronipoti avranno mai la possibilita' di vedere la tratta da Catania ad Agrigento completa, invece di dover fare una serie abnorme e, nel XXI secolo, ridicola di strade, stradine e stradette del cavolo.
Era opinabile che molti errori sarebbero stati fatti sui cantieri per colpa del dio denaro e delle non manchevoli infiltrazioni mafiose, ma sono anche certo che mai nessuno si sarebbe potuto aspettare un incidente di queste proporzioni.
E' terribile - oltretutto - pensare ad una vita cosi' giovane e definitivamente spezzata.

Purtroppo allo stato attuale sono ben certo che grandi responsabilita' saranno ulteriormente scaricate su quei ragazzi (anche i feriti, magari) che l'unica cosa di male che hanno fatto e' stata di accettare un lavoro a condizioni ben discutibili sia economiche che di sicurezza.
Ma sempre in questi casi mi viene da pensare che il lavoro nobilita, e non e' giusto che tali responsabilita' non ricadano mai su coloro che dai lavori hanno ottenuto un tornaconto personale piuttosto che su coloro i quali si sono tirati su le maniche ed hanno messo le mani a bagno nel concime perche' c'e' bisogno di lavorare.

26/6/06 7:25 PM  
Blogger Paolo Cianchino said...

Anch'io sono passato diverse volte e vedevo che i lavori andavano alla grande. E non facevo altro che domandarmi chissà se avrò la fortuna di vederla finita sta autostrada. Cosi' in 30 min. si arriverebbe a Catania. No che bene che vada ci si impiega un'ora. E poi è molto pericolosa.
Penso che noi non la vedremo mai finità forse i figli dei nostri figli, praticamente un 'altro ponte di Messina, solo illusioni e niente più.
Mi dispiace tanto che ci sia andato di mezzo la vita di un giovane della mia stessa età.
Purtroppo qua in Sicilia, un ragazzo per lavorare deve scendere a compromessi che avvolte sono pugnalate allo stomaco e grandi responsalità con tante ore di lavoro a fare lo sguattero qua e la e trattato come animale da suma.
Ma in Sicilia è così o fai la fame o scendi a compromessi, ed impari dire sempre si ma continui a fare la fame, perchè sei sotto pagato.
Il lavoratore Siciliano è trattato come gli extracomunitari al Nord Italia anzi forse loro sono trattati meglio.
Questa è la cruda e triste realtà dei giovani in Sicilia.
In Sicilia abbiamo solo una cosa bella che è la nostra terra, piena di storia, mare stupendo e monumenti bellissimi.
Viva la Sicilia.
Ciao Francesco.

27/6/06 10:23 AM  
Blogger Francesco said...

Condivido in pieno le vostre osservazioni.
Grazie ragazzi.

27/6/06 10:29 AM  

Posta un commento

Io sono per la comunicazione libera senza blocchi, ma dato che comunque questo e' il mio spazio personale e personalmente non sopporto chi commenta usando un linguaggio volgare mi vedo costretto a moderare i commenti.
Abbiate pazienza.

Links to this post:

Crea un link

<< Home